I giovani sono una risorsa, lo sentiamo ripetere sempre, ma esistono politiche giovanili efficaci e concrete, specie nel Sud Italia? Quali sono le reali opportunità che si possono ottenere sostenendo i giovani cervelli italiani? Come contrastare la migrazione forzata in altri contesti?

Di questo e di molto altro si è discusso a Messina, in occasione del primo meeting nazionale del progetto europeo Y-CASI (Youth for Citizenship and Social Inclusion), nell’ambito del programma ERASMUS + Azione Chiave 3 che, per la prima volta, ha visto confrontarsi le organizzazioni più attive nei programmi europei, regionali e nazionali di mobilità e supporto ai giovani delle 6 regioni del Sud Italia.

I partecipanti del meeting del progetto Y-CASI

I partecipanti del meeting del progetto Y-CASI

Il meeting è durato 3 giorni, dal 29 al 31 agosto, alla presenza di 7 organizzazioni partner provenienti da ciascuna delle 6 regioni del Sud Italia, assieme a giovani amministratori e decisori politici oltre che attivisti in associazioni e/o organizzazioni di volontariato e promozione sociale, per un totale di oltre 60 partecipanti.

Ecco il servizio dell’emittente TRM sul meeting di Messina:

Politiche giovanili in Europa e direttive da adottare

Grazie a un team di esperti facilitatori e a pratiche formative non-formali, si sono analizzate attentamente le direttive emanate dall’Europa in tema di politiche giovanili (Piano Europeo di lavoro per la gioventù 2010-2018), già discusse negli scorsi anni in quello che viene definito “dialogo strutturato” tra Commissione Europea, Ministeri dell’Istruzione e delle Politiche Giovanili, Forum Europeo dei Giovani e Forum nazionale dei giovani.

Quello di Messina è stato il primo di due meeting previsti dal progetto – che si concluderà a febbraio 2018 con un secondo appuntamento a Lecce – per definire un documento di indirizzo da consegnare alla Commissione Europea e ai Forum dei Giovani nazionale ed Europeo: l’obiettivo è stimolare i decisori politici delle Regioni del Sud Italia ad attuare le politiche di indirizzo promosse dal dialogo strutturato con l’Europa e i Giovani, per migliorare le future politiche giovanili nella programmazione 2018-2020.

Un momento di scambio e condivisione delle idee durante il meeting

Un momento di scambio e condivisione delle idee durante il meeting

Le attuali direttive europee sulle politiche giovanili

Le direttive principali dell’Europa e degli stati membri, sono le seguenti:

  • aumentare la resilienza e la fiducia in se stessi nei giovani europei;
  • favorire scambi e mobilità per l’istruzione e l’occupazione;
  • favorire nuovi sistemi educativi per realizzare il potenziale dei giovani;
  • vivere la diversità oltre la paura e l’intolleranza;
  • promuovere l’impegno dei giovani nella società;
  • favorire un’informazione critica e di qualità.

Il ruolo della Basilicata nel meeting del progetto Y-CASI

La Basilicata ha partecipato attivamente al meeting di Messina, confermando che i giovani talenti lucani sanno distinguersi per perspicacia, capacità operative e di vision, oltre che portare soluzioni innovative, concrete e sostenibili. Un plauso va ai giovani decision makers Vincenzo Castellano (Vicesindaco del Comune di Latronico) e Silvio Donadio (Assessore del Comune di Grottole e responsabile della segreteria di presidenza della Provincia di Matera), oltre che a Domenico Deniso e Ivana Calabrese (Associazione Vox Populi di Grassano), a Egidio Lacanna (Gruppo Lucano della Protezione Civile) e a Ilaria Tuzio (giovane commercialista impegnata a sostegno delle politiche del lavoro e imprenditoriali).

Delegazione lucana che ha partecipato al meeting di Messina

La delegazione lucana che ha partecipato al meeting di Messina

Noi del Consorzio Materahub abbiamo indetto una call pubblica per selezionare i partecipanti, che continueranno il percorso intervenendo nel secondo meeting di Lecce.

Prossimo appuntamento a Lecce

Proprio a Lecce, in occasione del secondo meeting del progetto Y-CASI, si lavorerà insieme con i partecipanti e le organizzazioni alla nascita di un Network delle regioni del Sud Italia, per condividere buone pratiche e futuri progetti e per avere una maggiore rappresentatività all’interno del Forum Nazionale dei Giovani.

I partner coinvolti

Il capofila di progetto è l’Associazione Bios di Messina (Sicilia), mentre i partner sono WIP – Working In Progress di Galatone (Puglia), Associazione di Promozione Sociale SEI di Brindisi (Puglia), CISME di Reggio Calabria (Calabria), Consorzio Materahub Industrie Culturali e Creative di Matera (Basilicata), TDM2000 di Cagliari (Sardegna) e Sfera Italy di Monte di Procida (Campania).

Maggiori informazioni sul progetto

Per avere maggiori informazioni sul progetto Y-CASI e seguirne sviluppi e attività, potete seguire la pagina Facebook ufficiale. Anche noi di Materahub, sui nostri canali social e attraverso il nostro sito web, vi terremo aggiornati sulle fasi successive di Y-CASI.