Materahub ha da tempo attivato lo smart working per andare responsabilmente incontro alle necessità derivanti dall’emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

      Rinchiusi nelle nostre case abbiamo cambiato il nostro modo di lavorare, interagire con i partner e anche comunicare i nostri progetti.

      Per noi che siamo abituati a passare intere settimane in giro per l’Europa e lontani da casa, questa diventa una prospettiva completamente nuova. Se in precedenza la comunicazione dei progetti europei era limitata per lo più all’incontro di partner provenienti da diverse nazioni nei numerosi meeting periodici, adesso tutto questo non esiste più e non sappiamo quando e se tornerà ad essere una condizione plausibile.

      In questo momento, in cui quello che viene a mancare nella vita quotidiana di tutti noi è il rapporto umano, abbiamo voluto dare una svolta al modo di comunicare il nostro lavoro, presentando i progetti in prima persona.

      Con #progettiinquarantena abbiamo voluto “umanizzare” la definizione di progettazione europea e, seppur con mezzi amatoriali, abbiamo voluto fare una rassegna di tutti gli strumenti e le idee che abbiamo prodotto in questi lunghi anni di viaggi e progetti, e di riproporli alla piccola grande community che ci segue attraverso i nostri canali social.

      Questa iniziativa ci ha portati alla consapevolezza che questo modo di esporci diventerà il perno principale del nostro lavoro, qualunque sia la definizione di normalità che ci attende, e che la narrazione dei progetti europei debba necessariamente passare anche dai rapporti umani in essi nascosti.

      L’invito che rivolgiamo ai nostri partner è quello di raggiungerci e contribuire alla nostra iniziativa o di attivare nuove pratiche di comunicazione dei progetti che sperimentino un nuovo filo narrativo.

      Potete inviare il vostro contributo scrivendo a info@materahub.com