Come promesso nel post di introduzione ai nuovi programmi Europei 2014-2020, iniziamo a presentarvi una serie di approfondimenti dedicati ad alcuni di questi, partendo da Erasmus +.

      Erasmus + is not Erasmus

      Questo programma ha suscitato interesse e ma anche una serie di discussioni, fra gli addetti ai lavori, già un paio di anni prima della sua effettiva approvazione, avvenuta lo scorso 19 Novembre: il suo nome (prima Erasmus for All, ora Erasmus +) non convince, infatti, chi si occupa di formazione professionale e continua, poiché troppo simile – e facilmente confondibile – all’omonimo programma per studenti universitari (Erasmus, appunto), da cui però si differenzia.

      Al di là di dubbi e critiche che la scelta del nome ha suscitato, è doveroso sottolineare come la Commissione Europea abbia valutato positivamente le caratteristiche che collegano i due programmi: mobilità e libertà di circolazione delle persone nelle sue diverse forme.

      Erasmus + per progetti di mobilità?

      Sì, ma non solo.
      La mobilità continuerà a ricevere la parte più grande (due terzi) del bilancio di Erasmus +, ma il programma copre altre aree di cooperazione in cui ricadono educazione, formazione, gioventù e sport.

      Vediamole insieme:

      Numeri e curiosità su Erasmus +

      • Budget totale del programma: 14,7 Miliardi di €;
      • Mobilità previste per un numero approssimativo di oltre 4 milioni di persone;
      • Mobilità per staff di organizzazioni Europee: oltre 800.000 (tra lettori, insegnanti, formatori, operatori giovanili e staff educativo);
      • Studenti di scuole superiori potenzialmente coinvolti: oltre 2 milioni;
      • Studenti di corsi di formazione professionale: oltre 650.000 studenti;
      • Volontari e scambi giovanili: oltre 500.000 giovani;
      • Prestiti per master: oltre 200.000 studenti.

      Differenze tra Erasmus + e programmi sostituiti

      Prima evidente differenza tra il nuovo Erasmus + e i programmi che va a sostituire è di sicuro il budget messo a disposizione, aumentato del 40% rispetto a quanto disponibile per i singoli programmi sostituiti.

      Di questo budget, almeno il 63% sarà dedicato a mobilità di apprendimento per singoli individui e il 28% alla cooperazione tra organizzazioni Europee per innovare le pratiche della formazione continua e scambiare buone pratiche.

      Il nuovo programma si presenta come più ambizioso e strategico dal momento che, pur mantenendo come obiettivo principale il miglioramento delle competenze dei cittadini Europei e la loro occupazione, prova a supportare la modernizzazione dei sistemi di educazione, formazione e supporto alla gioventù.

      Erasmus + vuole creare sinergie fra diversi settori educativi e con il mondo del lavoro.
      Un unico programma, con regole di applicazione e procedure semplici, per evitare duplicazioni e frammentazioni.

      Linee di finanziamento

      Guardando alle linee di finanziamento di Erasmus + si scoprono delle novità interessanti:

      • Schema di prestiti utili a finanziare Master per studenti, con la finalità di acquisire nuove competenze necessarie per un mercato del lavoro sempre più knowledge intensive;
      • Strategic Partnerships: scambio di buone pratiche, studi e ricerche per circa 125.000 organizzazioni tra scuole, enti di formazione e istituzioni educative, enti per la formazione della terza età e degli adulti, organizzazioni di volontariato e imprese;
      • Knowledge Alliances: partenariati tra università e imprese per favorire creatività, innovazione e imprenditorialità offrendo nuovi curricula, opportunità di apprendimento e qualifica. Si prevedono circa 150 progetti di rete tra oltre 1500 università e imprese (il nostro progetto Educckate è un pilota di questa linea di finanziamento);
      • Sector Skills Alliances: partenariati tra enti di formazione e imprese per favorire l’impiego e colmare i gap di competenze in settori specifici. Si prevedono circa 150 progetti per collegare imprese ed enti di formazione professionale.

      Questo è quello si conosce circa il nuovo programma, nel momento in cui scriviamo questo post.
      I primi bandi sono previsti tra la fine di dicembre 2013 e l’inizio del 2014.
      Ad ogni modo, riporteremo aggiornamenti e notizie significative in questo post.

      Maggiori informazioni su Erasmus +
      Proposta di istituzione del programma
      Brochure
      Portale per i partecipanti
      FAQ

      Volete proporre un progetto o entrare in rete con materahub? Ecco come fare.