Largo ai Giovani al #SEWF2015

#mk-page-title-box-5a17630dc6882 { height: 400px; background-color: #4a88bf; text-align: center; } #mk-page-title-box-5a17630dc6882 .mk-page-title-box-title { font-size: 42px; line-height: 42px; font-weight: bold; color: #ffffff; padding-bottom: 20px; margin-bottom: 20px; letter-spacing: 3px; } #mk-page-title-box-5a17630dc6882 .mk-page-title-box-title--underline:after { background: #ffffff;} #mk-page-title-box-5a17630dc6882 .mk-page-title-box-subtitle { font-size: 16px; line-height: 16px; font-weight: normal; color: #ffffff;}

ACRA-CCS ci ha regalato Energie, Emozioni e tante Riflessioni

Pugliesi e Giovani al #SEWF2015 C’eravano anche Noi.
Lara Mastrogiovanni
per l’associazione WIP4.EU e Francesco Romano per l’Associazione SEI Project, entrambi ci occupiamo di progettazione europea per le politiche giovanili e formazione  cercando di far convergere progetti e attività verso il Social Business.
Siam partiti quindi con l’intenzione di redigere un piccolo report delle tre giornate appena trascorse al Social Enterprise World Forum 2015, il forum mondiale  organizzato quest’anno da ACRA-CCS che riunisce oltre mille partecipanti da tutto il mondo ed esperti in imprenditoria sociale per discutere e condividere buone pratiche relative a 4  tematiche principali: l’ecosistema che promuove l’impresa sociale; l’impresa sociale contro la povertà; impact investing; nutrire il pianeta. Uno il tema trasversale: i giovani e l’impresa sociale  “Make room for us!”.

Le aspettative erano tante e indefinite considerandolo scenario mondiale, i tanti personaggi di riferimento per le imprese e gli imprenditori sociali e soprattutto il carisma del prof. Muhammad Yunus, premio Nobel per la Pace 2006, padre del microcredito e instancabile promotore del social business.

Missione Fallita!

Tre giorni intensi, di quelli che ti riempiono la giornata a tal punto da farti crollare la sera senza aver la forza di uscire e fare un giro tra le vie di Milano. Un panorama completo dell’impresa sociale nel mondo raccontato da tante autorità, tanti esperti, tanti docenti provenienti dalla Tanzania, India, Australia, Italia, Germania, Regno Unito, USA, Cina etc.

Tra i tanti panel che inseguivano come trottole nelle diverse aule dell’Università IULM, c’erano delle storie e testimonianze incredibili che hanno saputo trasmettere coraggio, entusiasmo e forza, tanta tanta forza come quella di Antonio Tinelli che ha raccontato la bellezza della Comunità di San Patrignano, l’energia di Peter Holbrook (Social Enterprise UK), il supporto dell’Agenzia Nazionale Giovani durante il workshop “preparare la nuova generazione di imprenditori sociali” nel delineare come far dialogare gli strumenti tra loro nelle diverse parti del mondo, quel trio di Donne incredibili e le loro imprese in Pakistan, Cambodia e Italia protagoniste del workshop “Il protagonismo delle donne nelle imprese sociali” capeggiate dall’italiana Riccarda Zezza di PianoC che sottolinea il problema della disoccupazione femminile e  mancanza di un modello positivo donne e mamme, modello che forse non ci sarà mai fino a quando le decisione saranno prese dagli uomini e non saranno le donne a cambiare i “terms of empowerment”. E ancora AFRIpads in Uganda, il Consorzio La Città essenziale di Matera per promuovere e sostenere la territorialità delle risorse, il prof. Zamagni e il panorama dell’impresa sociale in Italia…Tante storie coraggiose, tanta bellezza negli occhi di chi le raccontava e tanto entusiasmo e ottimismo da parte degli 800 delegati provenienti da tutto il mondo.

Termina il SEWF2015 il 3 luglio alle 17 con il passaggio di consegne che vedrà l’edizione 2016 a Hong Kong!

Forum terminato ma la parte più incredibile deve ancora arrivare!

Sabato 4 luglio ritrovo in stazione centrale alle 9.15 per accompagnare  a Napoli il prof. Yunus, un viaggio reso possibile grazie alla collaborazione di Ferrovie dello Stato Italiane con la Fondazione ItaliaCamp. Lo staff di ACRA-CCS ci accompagna in FSE Business club per intervistarci e poter esprimere le impressioni in merito al forum. Terminate le interviste arriva il prof. Yunus e il primo incontro e stretta di mani prima di salire sul treno diretto a Napoli .

Un intero vagone è riservato per 20 giovani selezionati con un concorso, lo staff di ACRA-CCS e staff stampa per condividere esperienze ed emozioni con il prof. Yunus che con un sorriso permanente ci incoraggia a scegliere il lavoro che amiamo, ci suggerisce di puntare sulle relazioni umane e sulla fiducia reciproca e soprattutto ci chiede una mano nel cambiare la percezione e la direzione dell’educazione per combattere la disoccupazione: da sempre l’essere umano è stato in grado di creare il lavoro e non per cercarlo, Perciò Createlo!

Lara Mastrogiovanni

Francesco Romano

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search

Show Buttons
Hide Buttons